Spam: prima Badoo, adesso Tagged.

Avete mai sentito parlare di Tagged?

La domanda è pertinente perchè qui in Italia non sono in molti ad averne sentito parlare, eppure in altri paesi il social network con sede a San Francisco ha riscosso tanto successo da raggiungere circa 80 milioni di utenti: una gran fetta di questi proviene dagli USA, circa il 25%, il resto invece da nazioni come India, Inghilterra, Malesia, Egitto (fonte Alexa).

Il difetto di Tagged, che lo ha portato ad espandersi soprattutto in Paesi anglosassoni, sta nel fatto che è tradotto in sole 2 lingue: inglese e spagnolo.

tagged.jpg

Ma siamo sicuri che la sua grande espansione negli USA sia dovuto solo alla traduzione in così poche lingue?

Secondo la polizia di New York, Tagged si è procurato in maniera fraudolenta la rubrica dei contatti personali dei nuovi utenti e ha poi utilizzato questo grande database di email per una campagna di spam di notevoli dimensioni. Ecco che così il Procuratore Generale della “Grande Mela”, Andrew M. Cuomo, ha annunciato l’intenzione di avviare un procedimento nei confronti di Tagged.com anche perchè il sito ha utilizzato questi indirizzi email per sostenere una campagna pubblicitaria abusiva.

Il social network ha risposto dicendo che si è trattato di un problema presente in fase di registrazione e che il problema è stato ormai già risolto da diverso tempo.

 

Noi non vogliamo metterci contro nessuno, ma se fosse tutto vero, allora non sarebbe difficile immaginare a cosa sia dovuta la grande espansione di Tagged.

In passato anche Badoo è stato accusato di servirsi di tecniche di spam per avvicinare più utenti possibili, ma dopo tutto, qual è quel Social Network che non ne fa uso?

 

Le tecniche che stanno alla base per la diffusione di un qualsiasi Social Network si basano proprio sull’invio di milioni di email verso amici e parenti degli utenti registrati al sito in questione e nessuna “rete sociale” ne è escluso, neanche Facebook!

Spam: prima Badoo, adesso Tagged.ultima modifica: 2009-07-18T10:15:00+02:00da socialtrend
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Spam: prima Badoo, adesso Tagged.

Lascia un commento